IT | EN

Tecnologie ed attrezzature all' avanguardia

:: KAVO DIAGNOCAM ::

news

Nelle nostre strutture il Dottor Saverio Ferrari Parabita ha introdotto la tecnologia DIAGNOcam, un innovativo strumento diagnostico pre-cure odontoiatriche che, in modo complementare si aggiunge alla diagnosi dei raggi X.

Sicuro per la diagnosi e sicura per il paziente.

DIAGNOcam è lo strumento diagnostico che sfrutta la struttura del dente e utilizza quest’ultimo come fotoconduttore. Simultaneamente, una videocamera digitale cattura il segnale trasmesso.

Le immagini di alta qualità acquisite dal nuovo strumento diagnostico DIAGNOcam aprono prospettive totalmente nuove e consentono di effettuare una diagnosi ancor più certa e possono essere visualizzate dal paziente direttamente sullo schermo ed eventualmente essere confrontate con acquisizioni precedenti.

Il suo utilizzo non richiede alcuna profilassi preventiva del dente.
Anche se la diagnosi radiografica è estremamente importante, alcuni pazienti, quali bambini e donne in gravidanza, devono evitare di sottoporsi a questa procedura. DIAGNOcam, in questi casi, rappresenta una ideale alternativa.

Si può utilizzare su tutti i pazienti in modo veramente semplice e mostra in maniera dettagliata le strutture delle corone dei denti sopra la gengiva.
Ciò consente di rilevare le carie molto precocemente e avviare trattamenti preventivi o minimamente invasivi.

Perché un odontoiatra propone l’utilizzo di questa nuova tecnologia?
Diagnosi nettamente migliorata
Comunicazione con il paziente e suo monitoraggio
Non è invasiva
Senza utilizzo di raggi X

:: TAC E ORTOPANTOGRAFIE ::

news

In tutte le nostre sedi è possibile effettuare ortopantografie e TAC. 

L’ortopantografia, eseguita solitamente prima delle cure dentistiche, permette di avere un quadro preciso sui denti, per quel che riguarda: 

- numero
- forma
- dimensioni
- stato di sviluppo ed informazioni su ossa mandibolari e articolazioni temporo-mandibolari.

Fornisce una immediata visione di entrambe le arcate dentarie, rilevando la presenza di granulomi, cisti, carie grossolane, eventuali denti inclusi o in sovrannumero e altre anomalie dell’apparato masticatorio.
  
La tomografia assiale computerizzata TAC è un esame diagnostico radiologico molto efficacia nell’evidenziare quadri patologici particolari e viene usata anche in odontoiatria.

L’elevata capacità diagnostica della TAC dentale è legata alla possibilità di una visione tridimensionale. Il vantaggio nell’utilizzo della TAC è la possibilità di ottenere informazioni certe sul volume osseo, sulle strutture anatomiche importanti quali i nervi alveolari inferiori e i seni mascellari, il rapporto tra gli elementi dentari e tali strutture.

Lo Staff dello Studio Dentistico sarà lieto di illustrare e concordare il percorso diagnostico indicato per ogni tipologia di paziente.

:: SEDAZIONE CONTROLLATA ::

news

Un passo molto importante compiuto dal dott. Ferrari Parabita nelle nostre strutture è l'introduzione della sedazione controllata farmaco-indotta che è stata introdotta con successo nella clinica odontoiatrica e oggi si applica con successo rispettando alcune regole fondamentali.

La prima di esse è la presenza dell'anestesista professionista che opera a tutto campo nelle sale operatorie e che imposta la sua azione di medico specialista come un trattamento medico peri-operatorio.
Uno degli elementi che accompagnano la sedazione, così come ogni processo anestesiologico, è lo stato di sopore del paziente anche al termine del processo clinico al quale è stato sottoposto; l'anestesista lo sa bene e sa quali farmaci sono stati usati in modo da consentire la massima sicurezza del decorso post-operatorio.

Ogni intervento ambulatoriale e ancor più gli interventi odontoiatrici consente al paziente il ritorno alla sua vita quotidiana.
Ma dopo un trattamento in sedazione controllata vi sono alcune importanti precauzioni che non possono essere abbandonate e che l'anestesista, così come l'odontoiatra, fanno presente al paziente in modo chiaro.

Un corredo poco piacevole del percorso anestesiologico è rappresentato dallo stimolo del vomito, non frequente con i farmaci di ultima generazione, ma ancora oggi con qulche percentuale di incidenza. Dunque, anche su questo ci sono indicazioni molto chiare anche in odontoiatria.
Un altro passaggio delicato che il professionista anestesista e rianimatore conosce bene è legato alla possibile reazione allergica individuale ai farmaci utilizzati per indurre la sedazione: la presenza dell'anestesista in modo costante durante tutto il percorso di intervento odontoiatrico in sedazione controllata garantisce la massima sicurezza al paziente ed all'odontoiatra.

Oggi i farmaci usati nel percorso che induce la sedazione controllata sono ben sperimentati e noti: è quasi impossibile che un farmaco provochi un effetto indesiderato; e in ogni caso la garanzia di risoluzione di un eventuale problema ad esso legato è data dallo specialista presente sul campo.
Un ultimo capitolo riguardante il percorso odontoiatrico in sedazione controllata è legato a possibili limiti fisici e fisiologici, dovuto all'età minima e massima e ad altre eventuali gravi controindicazioni, peraltro tutte previste dalla casistica nazionale ed internazionale ben note a chi opera negli studi del dott. Saverio Ferrari Parabita di Brescia e di Bergamo.

Quanto fin qui esposto rappresenta dunque il percorso scientifico-clinico, odontoiatrico e tecnico per un intervento di implantologia tra i più avanzati al mondo, nella completa sicurezza e nella certezza che le ore passate sulla sedia dell'odontoiatra sono trascorse in pochi minuti, senza dolore, stressa, ansia.

Ora però è arrivato anche il momento di analizzare un altro aspetto del percorso che riguarda la situazione personale di ogni paziente in quanto cittadino con possibilità di scelta di spesa. Come si può ben intuire, un percorso multidisciplinare è fatto di molte presenze qualificate, così come i materiali d'avanguardia oggi usati dal dott. Ferrari Parabita, ha certamente un costo che non sempre può essere affrontato a cuore leggero: ma anche su questo delicato passaggio lo staff del dott. Saverio Ferrari Parabita ha studiato soluzioni idonee e attente sia alle situazioni personali che alla delicatezza del momento economico attuale.

:: ACQUA DI MARE ::

news

Nelle nostre strutture il Dottor Saverio Ferrari Parabital ha introdotto l'utilizzo dell'acqua di mare.
L'igiene dentale ha fatto un gran passo in avanti quando al dentifricio è stato affiancato il collutorio.

Una pratica eccellente che completa e perfeziona l'azione dello spazzolamento dei denti.
L’acqua di mare assolve in modo eccellente ad entrambi i compiti: può essere utilizzata sia come dentifricio che come collutorio.

L’azione è quella di risciacquo totale, da qui la parola collutorio, ed è chiaro che dove non arriva lo spazzolino arriva l'azione del risciacquo, esercitato sia energicamente sia per semplice contatto.?

È ovvio che in questo secondo caso l'efficacia del collutorio dipende dalla sua forza d'azione.
La farmacopea ha creato diversi collutori, progettati tutti per essere impiegati mediante sciacqui energici. Dopo lo sciacquo, si sputa il liquido e si ripete l'operazione una o due volte.
Quando il collutorio è acqua di mare, le cose cambiano:
dopo lo spazzolamento dei denti, si può fare un primo risciacquo energico e sputare l'acqua, in modo da espellere i residui derivanti dall'azione.

Ma di seguito bisogna proseguire o con sciacqui molto delicati, o semplicemente portando a spasso l'acqua per la bocca, utilizzando la lingua come strumento per applicare l'acqua di mare in tutti gli angoli. Quest’acqua si può bere tranquillamente ingoiandola molto lentamente, poiché continuerà ad estendere la sua azione benefica lungo tutto il tratto digestivo.

Con cinque sciacqui di questo genere con acqua di mare, lenti e leggeri, ogni volta che ci si lava i denti, si ha garantita una straordinaria salute della bocca e l'estensione di questi effetti al resto dell'organismo.